Sometimes, there’s nothing better than silence.

Stefano Pilati in conversation with Luca Magliano
moderated by Giuliana Matarrese

The following conversation marks the beginning of a new format that will continue in upcoming editions of DUST Magazine. This concept aims to provide a platform for meaningful conversations between two generations of designers: on the one hand, emerging talents and, on the other, well-established figures who have already left a significant mark in the fashion world.

This intergenerational exchange is designed to shine a light on the fashion industry’s evolution, the ever-changing landscape of creativity, and the evolving role of designers over time. Moreover, it intends to grasp the values, perspectives, and sensibilities of young creatives and compare them with those who have paved the way for them. We’re not just witnessing a glimpse into mentoring but a deep and mutual exchange of ideas, experiences, and insights that transcend generations and statuses. In this first episode, curated by fashion journalist Giuliana Matarrese, renowned designer Stefano Pilati engages in conversation with emerging talent Luca Magliano.

At first glance, there is not much that two designers like Stefano Pilati and Luca Magliano have in common. Different generations, paths that don’t overlap, diversified areas of interest, and distant cities: the former in Berlin, the latter in Bologna. On one side, there is Stefano Pilati, born in 1965 in Milan, who shaped the aesthetic of Saint Laurent from 2004 to 2012, years during which he served as creative director, entering our wardrobes and ideal wishlists with campaigns shot by Juergen Teller and Inez & Vinoodh. What remains etched in memory is that allure of icy glamour, almost otherworldly, capable of recalling and updating the imagery of Luis Buñuel’s Belle de jour—Catherine Deneuve for the 1967 film was indeed dressed by his good friend Yves Saint Laurent. A path of exploration that Pilati continued over the years as creative director at Ermenegildo Zegna, just before deciding to found his own brand, Random Identities (2017). A never descending trajectory, parallel to that of other greats of his generation but always ‘distinct and distant’ from a system that has transformed over the years into a factory of mass entertainment. Pilati stays away from the spotlight while remaining in the focus of the industry’s press. It’s a paradox, characterised by his reserved nature and personal style, making him a revered guardian and a reference point for other creatives and people in the industry over the years. One example that stands out is Pharrell Williams, who featured him on the runway of his Spring/Summer 2024 Louis Vuitton menswear collection.

On the other hand, there is Luca Magliano, who was born in Bologna in 1987 and established his brand five years ago, recently gaining significant attention from the international press after winning the Karl Lagerfeld Prize at the 2023 LVMH Prize. This achievement is particularly noteworthy, as no Italian designer had ever secured this prestigious prize in the contest’s more than ten-year-long history. He champions the values of provincial life, the dignity of labour, and those who romantically choose to stay on the fringes of the fashion world without feeling defeated. His aesthetic seems to breathe life into the verses of Sandro Penna: “The easy rhyme, the difficult life”
and the spirit of the libertines, as portrayed by Pier Vittorio Tondelli.

What follows is not a typical interview but rather an honest exchange between two Italian designers from different generations who have never met before. They openly discuss how to sustain cultural relevance while working independently from major conglomerates and delve into the nuances of their experiences in Milan, exploring both its joys and challenges. They also share insights into their meticulously honed creative processes developed over the years, revealing a common thread of subversive nonconformity and an unwavering passion for what they consider to be ‘the most beautiful job in the world’.

STEFANO PILATI – Hello, Luca. It’s nice to meet you.

LUCA MAGLIANO – The pleasure is mine, Stefano.

S.P. – How are you? I heard you’ll be the guest designer at Pitti in January. How’s that going?

L.M. – Well, we are getting ready. Returning to Pitti is important to me. The first runway show I ever did back in 2018 was with them. Essentially, they produced my very first show, so it’s like closing a circle.

GIULIANA MATARRESE – As a side note, Magliano won the scouting competition Who is on next? in 2017—which is no longer in existence today—promoted the time by Pitti Immagine, L’uomo Vogue, and AltaRoma, and the following year, he presented his collection at Pitti Italics.

S.P. – I see. When are you showcasing?

L.M. – On January 10th. If you’re in Italy, please come!

S.P. – I have no idea about my plans then but if I’m around, I absolutely will. Tell me, how was the LVMH Prize experience? Was it tough?

L.M. – Incredibly tough. Don’t get me wrong; it’s an experience I’m thrilled to have had, but it was challenging on a level I hadn’t foreseen. It’s one of those places in fashion—figuratively speaking, of course—where you have to push yourself beyond your limits and constantly be under stress, which is an inclination I’m not naturally predisposed to as a person. On the one hand, I wanted to be myself;
on the other hand, I tried to avoid messing everything up. It wasn’t easy, mainly because the process takes roughly six months. There are two appointments. Besides meeting with the jury, you also have to meet a group of 100 experts; this has been the most challenging part for me. These professionals are part of the fashion system in a completely different way than you are, and you have to adopt different communication styles to present yourself to them. By the end of the day, you’re drained. There were 100 people there; it was shocking for me. Plus, I’m someone who ruminates, so it took me weeks to stop thinking about how it might have gone: “Why did I have to say that nonsense?”

S.P. – I’m asking because I have absolutely no idea what it must be like to go through such a process.

L.M. – Neither did I before doing it! (Laughs) On the other hand, the second appointment is where you present your brand to the jury, and those on the jury are all your colleagues and designers, in the strictest sense. You know them all. My anxiety was through the roof, but it was also the most exciting part, the one that ultimately gratified me the most. Also, because I don’t know how to explain it, but at that very moment, you realise the humanity of the designer in front of you, the person, and that feeling stays with me. It was very valuable.

S.P. – Also, because it never usually happens, right? It’s something that’s missing in fashion. In other fields, people talk to each other much more. Inspiration can be found through a discussion amongst colleagues, or it might simply make you feel less alone.

L.M. – It’s not something to underestimate.

S.P. – I miss it a lot, to be honest. I enjoy exchanging opinions with my colleagues, which is also why I wanted to do this interview today. The problem is that as designers working in the fashion industry, we are not considered intellectually worthy by our own industry. It’s always about strategies, and there’s rarely a genuine desire to energise ideas. But I’m glad this experience has been positive for you.

L.M. – You know, it’s also an opportunity to be more critical, or rather, more attentive. And you’re right; personally, I feel that the fashion industry is the only one where you’re required to give up a piece of yourself, not necessarily from an intellectual perspective but from a personal one. I find it somewhat sadistic because the truth is you can create a healthy distance from your own project. The brand is not necessarily a manifestation of oneself but of somewhat more complex ideas.

G.M. – Stefano, when you talk about designers not being ‘validated’ intellectually, do you think it’s also on those whose role is to tell the stories of these designers and don’t take it with the seriousness they should?

S.P. – Sometimes, they don’t even ask the right questions. Also, to be honest, designers don’t necessarily need to talk so much. Often, as creatives, we are pushed to represent a system, an industry, just as they started doing with football players in the 90s when journalists would ask them how they felt after a match, and they didn’t necessarily want to talk. In that case, the management would bring in coaches to help them out because they were athletes who sometimes hadn’t finished school and maybe had difficulty expressing themselves in public.

There are many reasons why, as a designer, you don’t want to talk about your effort or performance right away. Sometimes, you’re tired; other times, you haven’t found the right words yet, or you might still be processing what’s just happened. That’s why, for a long time, I refused to give traditional backstage interviews. I find it difficult to talk about a single collection because, in the way I work, each collection is connected to the one before. What I learn from one collection, I bring to the next. If the relationship with the media could be more relaxed and peaceful, we would be able to discuss much more.

Fortunately, today, there’s Instagram or any other channel that allows you to express yourself and share your enthusiasm, perhaps about a single piece in your collection that is meaningful to you or to explain why you’ve spent a year working on a jacket sleeve. I don’t know how to put it, but something is missing. Sometimes, there’s nothing better than silence. I suggest this to you, Luca. Also, because, as a designer, our work speaks for itself.
Recently, I did a collaboration that was supposed to be presented at a fashion show. For various reasons, the fashion show didn’t end up taking place. When they told me, I didn’t feel pain, but something like a stomachache, something that shook me emotionally.
I wondered what it could be, and the reality is that, in the end, it’s nice to see your work recognised. I wanted this life (the life of a designer), and I’ve lived through it all, so it’s natural that applause and approval make you happy. But if you can only take home that from a collection, it means that your work is weak, and maybe you also have deeper issues within yourself.

L.M. – I understand what you’re saying. I am very clear with myself, and I try to understand when I’m doing something for personal ambition and when I’m doing it for authorial ambition. Keeping order between these areas is crucial because otherwise, I would lose my mind, and I don’t like the idea of narcissistic gratification; I don’t like that part of me. I don’t want it to happen. Not so much because I’m strict with myself, but because it doesn’t make me feel good. You’re right when you say that maybe there isn’t even a suitable term to talk about fashion projects that feel spontaneous. In reality, fashion is not made by designers alone; fashion is a complex system that doesn’t always concern clothes.

S.P. – In your case, however, have fun with the system, play with it, and try to make more use of it. I’m saying these things because I’ve experienced them first-hand: being praised is nice. It’s also part of a healthy communication process, the desire to communicate and give something and the pleasure of seeing it being well-received. I had a lot of fun during most of my professional life.

L.M. – Yes, I think I have the best job in the world, to be honest. The process leading to the creation of a collection is fantastic. If it was up to me, I would do just that: the more I focus on the ideas I want to bring to life, the better I sleep at night. Unfortunately, there comes a moment when you’re required to deliver the ‘performance’, and that’s something that can still bewilder me. Of course, I’m happy to receive compliments, but I’m afraid of this need to seek approval in order to demonstrate my worth. It makes me crumble because I don’t want to always ‘be right’; I want the freedom to also ‘be wrong’ sometimes, to not always necessarily say the right thing, or to sometimes even say nothing at all, as you say. I believe that, with time, the situation does improve. As all these people who ask you questions are no longer strangers, you begin to understand how to make use of the spotlight they shine on you.

S.P. – In this respect, you remind me a lot of myself.

G.M. – In reality, even though you both have very different careers, what brings you together is that you are both seen as being ‘iconic’ by the industry press. There’s a certain idolisation of both of you: Luca because he advocates several ideals, and Stefano for the sublime elegance that has always been associated with his approach to fashion. How do you feel about people having a specific, perhaps even wrong, idea of you without really knowing you?

L.M. – I don’t think many people out there have any particular idea of me (laughs). I always try to redirect attention to my projects, although, in the end, there are moments when the brand can only be explained through a biographical narrative, as it also happens to those who write books. To avoid that, however, I try to limit it judiciously.

S.P. – It depends on the experiences. In my case, it’s something you can’t really control; it’s part of the job. I’ve never had a particular perception of the impact I might have on the media; I’m more aware of it in the fashion context. It doesn’t bother me; I just haven’t really focused on it. If your work and talent are recognised and appreciated, it’s a good thing. What you do with that recognition is another matter. Does it bother you, Luca?

L.M. – No, if interviews drift into personal matters, it’s done somewhat naively, also because I’m convinced that every historical moment is fascinated by the idea of finding its favourite representative, a mascot of some sort. I am not very mascot-like. Of course, I am very public about all the topics I consider as aligning with my values, and I have displayed it as a banner in my project. Still, I like to have my private dimension in which I am not my work, even though you inevitably carry this profession within you.

G.M. – Another thing that actually brings you together is that neither of you works in Milan…

S.P. – Oh, really? Luca, I thought you had a studio in Milan.
l.m. – No, no, I live and work in Bologna, and it’s been great for me. The Magliano project started because I found people here who decided to support me and lend me a hand. Ultimately, I never had a great affinity with Milan; I never managed to work well there and be sought after, so I came back to living in Bologna. What Giuliana wanted to ask us was precisely about our relationship with Milan…

G.M. – You’ve known me long enough to anticipate my questions. Yes, indeed, that was what I was going to ask.

L.M. – I don’t think badly of Milan. I can’t make any considerations because, in fact, it’s not a city I know too well. Personality-wise, I have become a bit of a hermit, and I’m someone who, once a decision has been made, I don’t like straying away from it often. If I decide I want to live in Bologna, it will be Bologna forever (laughs). The truth is, I’m open to any kind of consideration; I was exaggerating.

S.P. – But did you study in Bologna?

L.M. – Yes, I studied here, then I lived in Milan for a short period, and then I came back. I’ve spent most of my life here. On the one hand, in Bologna, I’m ‘shielded’ from a series of things that happen in Milan, both good and bad. The thing we were talking about earlier, for instance, the beauty of interacting with colleagues, doesn’t happen here because there aren’t many designers here in Bologna. On the other hand, I can take advantage of a special type of energy here that a city like Milan doesn’t have.

S.P. – It’s lucky for you to be in Bologna right now.

L.M. – I do believe that, too. Of course, I grew up fascinated by big cities because they often symbolise something else. Whenever I could, I would go to New York; I find Paris very sexy yet difficult in an old-fashioned, inhumane way. Living conditions are essential, and quality of life is what matters. And not having all the financial means in the world is something I think about. I want a place where I can be comfortable and don’t necessarily have to struggle or find myself in uncomfortable situations. From this perspective, where you live, in Berlin, it doesn’t seem aligned with what I mentioned…

S.P. – Yes, it actually worked that way for me, too.
I was starting to suffer in Paris rather than enjoying living in it. There’s no such pressure in Berlin. But despite being Milanese, I always wanted to leave Milan. Even though I learned my craft there. And I’m glad I did.

L.M. – I’m also convinced that there’s an Italian way of doing things and developing ideas. We’re in a unique position when it comes to project development, which is very concrete and that I find beautiful. One thing that often doesn’t happen abroad is that here, you might have the opportunity to have a direct relationship with the people who make the collections: the tailors and the pattern makers. I’m not saying that our way of doing things is better than others; I’m saying it’s universally recognisable.

S.P. – No, no, I’m saying we do it better. Or at least, we used to. From my perspective, the way you’re trained is the best.

G.M. – How has your approach to collections changed over the years? Does it become easier with experience, or does it remain a disorderly process guided by almost random inspirations?

L.M. – To some extent, I believe in the scientific method behind it, meaning there should be rules, a starting point and a finish line. Sometimes, you can get there through logical processes; other times, they are more analogical. These processes need to be nourished through reasoning, sensations, etc., but there must be a basic structure. I need to think in this way because, otherwise, I would feel lost every time.

S.P. – I’m the same. The only difference is that, over the years, I’ve discovered that creating a structure that allows me to let go and be spontaneous as much as possible is essential to me. I take time to be alone, to ruminate. Then, of course, you feel the pressure, but it’s more of an internal pressure due to timing and deadlines. After all, you’ve known about those deadlines for a while. Having a method also helps you with improvisation because there are times when, for whatever reason, the right idea comes to you at a later stage. Of course, before the collection, there are those agonising moments when you must decide what to keep and what to drop. You ask yourself: if I take away this piece because it might not sell, how do I justify this other piece that is connected to the former? How important is this third piece in defining the silhouette? These decisions require personal reflection and are separate from the whole runway mechanism. But everything becomes simpler once you have a clear vision and know where you’re going.

L.M. – I agree.

At some point, the big picture transitions from the specific to the general, and you can clearly see the narrative you’re trying to create. The experience that I find most similar to creating a collection is writing. You have to carefully choose words, give them rhythm, and maybe have the courage to accept that you’re not just making a statement even though what you’re bringing out is something that you haven’t fully understood either. Perhaps it’s a doubt, but you have to give it value and put it down in black and white.

S.P. – It also depends on the scale you’re working on. I can afford to make certain choices today because I own my business. Working for a fashion house, on the other hand, can have many different implications. Luca, do you wear your own fashion?

L.M. – I don’t wear it very often. I do it for sensory research, to be honest. I mostly wear prototypes because I study them and become obsessed with them. I put on a shirt and go dancing because I want to see how the fabric falls, how it moves. Apart from these occasions and beyond the project, not really, though. If it were up to me, I’d be naked all the time.

G.M. – Going back to what Stefano said earlier about operating on a different scale, in being the creative director of a fashion house, the question for both of you is: do you believe that culturally relevant brands can exist today, even if they operate outside the realm of large conglomerates?

L.M. – I don’t have experience with large brands, if not in a marginal way, but these current times are quite propitious. You can seek your resonance, but it depends on what you mean by relevant. One thing is to have a relevant discourse because you might meet people who share your same ideas. Another is to be interesting even when it comes to the market you operate in. To answer your question, I believe it’s feasible today. This doesn’t mean it’s easy, but nothing is easy, after all.

S.P. – I’ve had a different experience. I’ve never had my own brand until I started one when I was 50. I come from a different background; I started working in the early 1980s and always knew it would take at least ten years to build a solid brand. The problem today is the speed at which you are devoured. An interview with The New York Times—a privilege once achieved through solidity and consistency—arrives far too early nowadays, even as an author. But the risk is to be chewed up and spat out, similarly to what happens with contemporary art auctions. I’ve been doing this job for 40 years, learning something every day. I’ve never experienced a routine, even when I thought it was routine, but it was just me perceiving it as such because I couldn’t work in the way I truly wanted. Routine is something else; we don’t sit in an office putting stamps on things and checking invoice headings. We do work that allows us to measure ourselves emotionally, and I find this beautiful today.

L.M. – What you’re saying about the job is beautiful and true; I agree entirely. I am fortunate enough to have come this far. Of course, we’re only talking about five years, but I’ve managed to keep this idea alive and make it work. There must also be an element of luck in this, right? Because it can’t be that I’m just better. There were undoubtedly favourable conditions that brought me to this point. Anyway, I wanted to emphasise that I feel very grateful to be doing this job.

G.M. – One last question: Stefano, you were a Guest Designer with your brand Random Identities at Pitti in 2020. In January, it will be Magliano’s turn. Do you have any advice for him?

S.P. – It’s a different fashion show from the others because you have more visibility and, obviously, if you are invited as a Guest Designer, the organisers also find you important. But in the end, it’s still a fashion show. The most important thing is that you are happy. And when I say happy, I also mean happy with the result. Sometimes, you need to please others and start feeling like you owe them something. Instead, you must be absolutely at peace with yourself. Similarly to any event of this kind, you need to find a compromise between your vision and everything else outside of it. It is crucial to understand what compromises you should accept, to make peace with them, anticipate them, and never let them be imposed on you. Take responsibility. And you’ll know if you’re truly happy with it when you’re backstage, and the fashion show is about to start, and you have the lineup in front of you. That makes all the difference in the world.

L.M. – Thank you, Stefano, that’s a beautiful piece of advice. I hope to see you there.

All’apparenza, c’è poco che due designer come Stefano Pilati e Luca Magliano condividono. Generazioni diverse, percorsi non sovrapponibili, aree di interesse diversificate, città distanti ( il primo Berlino, il secondo Bologna). Da una parte c’è il milanese classe 1965, che ha dato forma all’estetica di Saint Laurent dal 2004 al 2012, anni nei quali ne è stato direttore creativo, entrando nei nostri armadi o nelle nostre ideali wishlist con le campagne firmate da Juergen Teller e Inez &  Vinoodh. A rimanere incastonata in maniera perpetua nella memoria, è stata quell’allure di glamour glaciale, quasi ultra-terreno, capace di ricordare e aggiornare l’immaginario della Belle de jour di Luis Buñuel ( e in effetti Catherine Deneuve per quella pellicola del 1967 era vestita proprio dall’amico Yves Saint Laurent). Un percorso di ricerca che poi Pilati ha proseguito negli anni nei quali è stato direttore creativo di Ermenegildo Zegna, poco prima di decidere di fondare il suo brand, Random Identities (2017). Una parabola mai discendente, parallela a quella degli altri grandi della sua generazione, ma sempre “distinto e distante” da un sistema che si è tramutato negli anni in una fabbrica di intrattenimento di massa. Lontano dai riflettori e comunque al centro delle attenzioni della stampa di settore: un paradosso, quello di essere caratterialmente riservato, eppure assai ricercato, che deve molto anche allo stile personale del designer, che lo ha reso negli anni santo protettore di riferimento di altri creativi e star globali tramutati in stilisti (uno su tutti, Pharell Williams, che lo ha voluto sulla passerella della sua collezione p/e 2024 per l’uomo di Louis Vuitton).

Dall’altra, c’è il bolognese nato nel 1987, con un brand eponimo fondato cinque anni fa, e che oggi è osservato speciale della stampa internazionale, per via di quel Karl Lagerfeld Prize vinto agli LVMH Prize 2023. Un premio che nessun italiano era riuscito ad aggiudicarsi, nei più di dieci anni di storia del contest finanziato dal conglomerato LVMH per promuovere i nuovi talenti (nel 2014 Gabriele Colangelo era entrato nella rosa dei finalisti, ma a essere premiati erano stati Thomas Thait e Hood by Hair di Shayne Oliver). Cantore della provincia, della dignità del lavoro, di chi romanticamente sceglie di rimanere ai margini, senza sentirsi per questo sconfitto, la sua estetica sembra portare in vita le liriche di Sandro Penna (La rima facile, la vita difficile) e i libertini di Piervittorio Tondelli.

Quella che all’inizio potrebbe sembrare l’ennesima impossible Conversation, è in realtà un dialogo che chi scrive non ha avuto difficoltà a mediare, e che ha portato i suoi protagonisti, mai incontratisi prima, anche lontani dai binari tracciati dalle domande. Quello che segue non è tanto una classica intervista quanto un confronto onesto tra due designer che parlano a ruota libera  di come si fa ad essere culturalmente rilevanti pur operando al di fuori dei grandi conglomerati, di Milano, tra gioie e dolori e del processo creativo che hanno raffinato negli anni. Scoprendo alla fine di essere uniti da un certo, eversivo disallineamento, e da una comune, incrollabile, passione per “il lavoro più bello del mondo”.

Stefano Pilati: Ciao Luca, piacere di conoscerti.

Luca Magliano: Piacere mio Stefano.

SP: Come va? So che a gennaio sfili al Pitti come Guest designer, come sta andando?

LM: Eh, siamo in preparazione. Per me il Pitti è un ritorno importante. La prima sfilata che ho fatto, nel 2018, l’ho fatta con loro (Magliano vinse nel 2017 il concorso di scouting oggi non più esistente Who is on next? promosso da Pitti Immagine, L’uomo Vogue e AltaRoma, e l’anno successivo sfilò all’interno di Pitti Italics, ndr). Sostanzialmente hanno prodotto loro il mio primo show, quindi è la chiusura di un cerchio. 

SP: Quando sfili?

LM: Il 10 gennaio, se sei in Italia vieni!

SP: Non ho ancora idea dei miei programmi per allora, però se ci sono, assolutamente sì. Senti e l’esperienza dell’LVMH Prize? È stata tosta? 

LM: Tostissima. Non mi fraintendere, è un’esperienza che sono felicissimo di aver fatto, ma è stata impegnativa a un livello che non mi sarei aspettato: è uno di quei posti della moda – in senso figurato, ovviamente – dove devi sforzarti oltre i tuoi limiti, essere costantemente sotto stress, che è una inclinazione verso la quale io, come persona, non sono per nulla portato. Da una parte volevo essere me stesso, dall’altra volevo evitare di mandare tutto a puttane: non è stato facile anche perché il processo dura sostanzialmente sei mesi.  Ci sono due appuntamenti: uno col pubblico, formato da 100 esperti, che per me è stata la parte più difficile. Si tratta di professionisti che fanno parte del sistema moda in una maniera completamente diversa dalla tua, devi adottare registri di comunicazione diversi per raccontarti a loro.

SP: Te lo chiedo perché non ho assolutamente idea di cosa voglia dire, partecipare ad un processo del genere.

LM:  Non ne avevo neanche io, prima di farlo! (Ride, ndr) Il secondo appuntamento invece, è quello dove presenti il marchio alla giuria, e quelli della giuria sono tutti tuoi colleghi, designer in senso stretto, tu li conosci tutti. L’agitazione era alle stelle, ma è stata la parte più emozionante, quella che alla fine mi ha gratificato. Anche perché, non so come dire, ma in quel momento ti rendi conto dell’umanità del designer che hai di fronte, della persona, e quello mi è rimasto addosso. Credo sia stato molto prezioso.

SP Anche perché non succede mai, vero? Credo che sia una roba che manchi, o forse è giusto che sia così, non lo so. In altri campi mi rendo conto che la gente si parla molto di più. Da un confronto tra colleghi si può trovare ispirazione, o semplicemente, sentirsi meno soli. 

LM: Non è una cosa da poco.

SP: A me è mancata molto, ti dico la verità. Lo scambio di opinioni con i miei colleghi mi piace, che poi è anche il motivo per il quale avevo voglia di fare questa intervista oggi. Il problema è che secondo me come designer che operano nella moda non siamo considerati interlocutori interessanti dal punto di vista intellettuale dalla nostra stessa industria. Sempre a parlare di strategie, e raramente un reale desiderio di dare energia a delle idee. Però sono contento che questa esperienza sia stata per te positiva.

LM: Sai credo che sia stata anche un’occasione per essere più critico, anzi no, più attento. E hai ragione: personalmente ho l’impressione che l’industria della moda sia l’unica nella quale per partecipare è richiesto un pezzo di te, è richiesto di concederti non dal punto di vista intellettuale, ma da quello personale. Lo trovo un po’ sadico, anche perché la verità è che si può avere una sana distanza dal proprio progetto. Il brand non è necessariamente una manifestazione di se stessi, ma anche di idee un po’ più complesse.

GM: Stefano, quando parli di designer che non sono “validati” dal punto di vista intellettuale, credi che sia anche colpa di chi questi designer li racconta e che non lo fa con la serietà che dovrebbe?

SP: A volte non fanno neanche le domande giuste. Anche perché non c’è bisogno che i designer parlino così tanto, a dirla tutta. Spesso come creativi siamo spinti a rappresentare un sistema, un’industria, così come hanno iniziato a fare con i calciatori negli anni 90, quando i giornalisti gli chiedevano come si sentivano dopo una partita, e loro non avevano necessariamente voglia di parlare. In quel caso il management ha messo loro accanto dei coach per aiutarli, anche perché si trattava di atleti che a volte non avevano finito le scuole e magari avevano difficoltà ad esprimersi in pubblico. Ci sono tanti motivi perché a caldo, come stilista, non vuoi parlare del tuo sforzo, o della performance. A volte sei stanco, in altri momenti non hai ancora trovato le parole giuste, in altri, semplicemente la stai ancora elaborando. Per questo per lungo tempo ho rifiutato le classiche interviste nel backstage. A livello personale trovo difficile parlare di una singola collezione in quanto, per il modo nel quale lavoro, ogni collezione è legata a quella precedente. Quello che imparo da una collezione lo riporto su quella dopo. Se il rapporto con i media fosse più rilassato, sereno, ci si potrebbe permettere di parlare di molto altro. Fortunatamente oggi c’è Instagram, o anche qualunque altro canale che ti permette di dire la tua, e puoi esprimere il tuo entusiasmo rispetto magari a un singolo pezzo della tua collezione che per te è rilevante, o parlare del perché hai speso un anno su una manica di una giacca. Non so come dirti, ma mi sembra che sia una cosa che manca. 

A volte, alla fine, non c’è niente meglio del silenzio, è uno spunto che ti suggerisco Luca. Anche perché come designer, il nostro lavoro parla da solo. 

Sai, di recente ho fatto una collaborazione che doveva essere presentata con una sfilata: per una serie di motivi la sfilata non c’è stata. Nel momento in cui me l’hanno comunicato ho sentito non un dolore, ma qualcosa di simile a un fastidio allo stomaco, qualcosa che emotivamente ti scuote. Mi sono chiesto cosa fosse, e la realtà è che alla fine vedere il proprio lavoro riconosciuto fa piacere. Questa vita (quella del designer, ndr) l’ho voluta e l’ho vissuta tutta, quindi è ovvio che l’applauso, l’approvazione ti rendano felice. Se però di una collezione ti porti a casa solo quello, vuol dire non solo che il tuo lavoro è debole, ma che magari hai anche dei problemi più profondi con te stesso.

LM: Capisco quello che dici. Cerco di essere molto chiaro con me stesso, e capire quando faccio qualcosa per ambizione personale e quando invece lo faccio per ambizione autoriale. Tenere ordine tra questi ambiti è fondamentale perché sennò perdo la testa, e non mi piace l’idea di farmi gratificare narcisisticamente, non mi piace quella parte di me, non voglio che accada. Non tanto perché sono intransigente con me stesso, ma anche perché poi ci sto male sul serio. Hai ragione quando dici che forse non c’è neanche un lessico adatto a parlare dei progetti di moda e che risulti spontaneo. La moda in realtà non la fanno i designer: la moda è un sistema complesso che non riguarda sempre i vestiti.

SP: Nel tuo caso però, divertiti col sistema, giocaci, usalo di più. Dico certe cose perché le ho vissute: esser lodato fa piacere, fa parte anche di un processo di comunicazione sano, della voglia di dire e dare qualcosa, e del piacere di vederlo recepito. Io mi sono divertito un sacco per la maggior parte della mia vita professionale.

LM: Sì, io penso di star facendo il lavoro più bello del mondo, a dirla tutta. Il processo che porta alla creazione di una collezione è fantastico, se potessi farei solo quello: più sono concentrato sulle idee che voglio portare sul campo, meglio dormo la notte.  Purtroppo però arriva il momento nel quale ti è richiesta “la performance”, che è una cosa che a me manda in cortocircuito. Ovviamente sono contento dei complimenti ma mi fa paura questa necessità di ricercare l’approvazione, dimostrare quanto “sono bravo”.  Mi sento crollare perché non voglio essere bravo: voglio avere la libertà di essere cattivo, non dire necessariamente sempre la cosa giusta, o a volte non dire nulla, come dici tu. Credo che con il tempo poi la situazione migliori: man mano che tutte queste persone che ti fanno delle domande non sono più degli sconosciuti, inizi a intuire come sfruttare la loro attenzione in maniera positiva. 

SP: Da questo punto di vista mi ricordi molto me.

GM: In realtà anche se avete due carriere molto diverse, vi accomuna il fatto che siete considerati dalla stampa di settore come dei “santini”. Nei vostri confronti c’è una certa idolatria, Luca per una serie di ideali che sostiene, Stefano per la sublime eleganza che è sempre stata accomunata al suo modo di fare moda. Come vivete il fatto che la gente ha un’idea precisa di voi,  forse anche sbagliata, senza realmente conoscervi?

LM: Non credo che là fuori sia pieno di persone che hanno idee su di me (ride, ndr). Cerco sempre di dirottare le attenzioni sul mio progetto, anche se alla fine chiaramente ci sono dei momenti nei quali il brand può essere spiegato solo attraverso un racconto biografico, come succede anche a chi scrive libri. Per evitare che succeda, però, mi concedo con parsimonia.

SP Dipende dalle esperienze. Nel mio caso credo sia una cosa che non riesci veramente a controllare, fa parte del lavoro. Io personalmente non ho mai avuto una percezione del mio impatto a livello mediatico, forse sono più consapevole di quello sulla moda. Non mi da fastidio, semplicemente non ci mi sono mai concentrato davvero sopra. Se il tuo lavoro e la tua figura vengono riconosciuti e apprezzati, è una buona cosa, credo. Cosa ci fai poi con quel riconoscimento è un altro paio di maniche. A te dà fastidio, Luca?

LM: No, se nelle interviste si deraglia sul personale, credo che sia fatto con una certa ingenuità, anche perché sono convinto che ogni momento storico sia affascinato dall’idea di trovare un suo beniamino, una mascotte. Io sono molto poco “mascottabile”. Certo, sono molto pubblico rispetto a tutti gli argomenti che considero dei miei valori, ne ho fatto abbastanza una bandiera anche nel mio progetto, però mi piace avere una mia dimensione privata nella quale non sono il mio lavoro, anche se poi inevitabilmente questo mestiere te lo porti dietro.

GM: Un’altra cosa che vi accomuna in realtà è che nessuno di voi due lavora a Milano..

SP: Ah, davvero? Luca pensavo avessi lo studio a Milano.

LM: No no vivo e lavoro a Bologna, ed è stata la mia fortuna. Il progetto di Magliano è iniziato perché qui ho trovato persone che hanno deciso di appoggiarmi, di darmi una mano. E poi alla fine con Milano non ho mai avuto una grande intesa, non sono mai riuscito a lavorarci bene, ad essere “cercato”, quindi sono tornato a vivere a Bologna. E credo che quello che Giuliana volesse chiederci era proprio che rapporto abbiamo con Milano…

GM: Mi conosci da abbastanza tempo da potermi anticipare. Sì, in effetti, la domanda era proprio quella.

LM: Non ne penso male. Non posso fare nessun tipo di considerazione perché di fatto non è una città che conosco. Caratterialmente tendo a diventare un po’ orso, e poi sono uno che quando prende una decisione, insomma, ci si discosta raramente. Se ho deciso che voglio vivere a Bologna, sarà Bologna per sempre ( ride, ndr). La verità è che sono disposto a qualunque tipo di considerazione, ora esageravo.

SP: Ma hai studiato a Bologna?

LM: Sì, ho studiato qui, poi ho vissuto a Milano per un breve periodo della mia vita, e poi sono ritornato. Sostanzialmente la maggior parte della mia vita sono stato qui. Da una parte a Bologna sono “al riparo” da tutta una serie di cose che a Milano succedono, nel bene e nel male. Quella cosa che dicevamo prima, della bellezza di confrontarsi con i colleghi, qui non c’è, perché a Bologna non è che ci siano tantissimi designer.  Dall’altra parte però approfitto di un’energia che è speciale, e che una città come Milano non ha.

SP: Secondo me è una fortuna per te essere a Bologna in questo momento.

LM: Lo credo anche io. Certo, sono cresciuto nel fascino delle grandi città anche perché spesso le grandi città sono un simbolo di qualcos’altro. Ogni volta che era possibile andavo a New York, considero Parigi molto sexy, anche se è una città difficile, disumana in maniera ottocentesca. E le condizioni in cui vivi sono importanti, la qualità della vita è importante. E non avendo tutta la disponibilità economica del mondo, è una cosa a cui penso. Voglio un posto dove star bene, dove non devo fare necessariamente fatica o trovarmi in situazioni che mi mettono a disagio. Da questo punto di vista Berlino, dove vivi tu, mi sembra disallineata rispetto a quelle che ho citato io…

SP: Sì, in realtà ha funzionato un po’ così anche per me. Stavo cominciando a subire Parigi, più che a viverla. A Berlino non c’è questo tipo di pressione. Ma da Milano, pur essendo milanese, ho sempre voluto andare via. Questo nonostante il mio lavoro lo abbia imparato proprio lì. E sono contento di averlo fatto. 

LM: Sono convinto anche io che esista una maniera italiana di fare le cose, sviluppare le idee. Ci si trova in una posizione particolare rispetto allo sviluppo del progetto, molto concreto, che per me è molto bello. Una cosa che spesso all’estero non accade è che qui hai l’opportunità di avere un rapporto diretto con le persone che le collezioni le realizzano, i sarti, i modellisti. Non dico che il nostro modo di fare le cose sia meglio di un altro: dico che è riconoscibile.

SP: No no io dico che lo facciamo meglio. O almeno, lo facevamo. La formazione dal mio punto di vista è la migliore.

GM: E il vostro modo di approcciarvi alle collezioni, come è cambiato nel corso degli anni? Con l’esperienza diventa più semplice, oppure rimane un processo disordinato guidato da delle ispirazioni quasi casuali?

LM: Sono convinto in qualche misura della scientificità di un metodo, cioè che si debba avere delle regole, ci deve essere un punto di inizio e uno di arrivo. A volte ci arrivi attraverso processi logici, a volte sono analogici. In ogni caso questi processi vanno nutriti con ragionamenti, sensazioni, etc etc, ma un impianto di base ci deve essere. Mi piace pensarlo, perché altrimenti mi sentirei perso ogni volta.

SP Sono anche io così. L’unica differenza è che negli anni ho scoperto che è fondamentale creare una struttura che mi permetta di lasciarmi andare alla spontaneità il più possibile. Mi prendo tempo per star solo, per rimuginare. Poi certo, senti la pressione, ma è più una pressione interna, che dovuta alle tempistiche, alle deadline. Tanto quelle le si conosce da tempo.  Avere un metodo, insomma, ti aiuta anche nell’improvvisazione, perché ci sono casi nei quali, per un motivo o per un altro, l’idea giusta ti arriva un po’ più tardi. Certo, prima della collezione ci sono quei momenti strazianti dove devi decidere cosa tenere e cosa no. E ti chiedi: se tolgo questo perché non lo vendo, come faccio a giustificare questo altro pezzo che è legato al primo? Quanto è importante questo terzo pezzo per definire la silhouette? Sono decisioni che richiedono una riflessione personale avulsa da tutto il meccanismo della sfilata. Però una volta che hai le idee chiare, e sai dove stai andando, diventa tutto più semplice.

LM Sono d’accordo. Ad un certo punto il quadro passa dal particolare al generale, e vedi quel discorso che hai cercato di comporre,  in maniera chiara. Per quanto mi riguarda, l’esperienza che trovo più simile alla creazione di una collezione è quella della scrittura. Devi scegliere le parole, dar loro un ritmo, e magari avere il coraggio di accettare il fatto che non stai facendo un’affermazione, perché quello che stai cacciando fuori, è qualcosa che neanche tu hai davvero capito bene. Il tuo è forse un dubbio, ma devi dargli valore, e metterlo nero su bianco.

SP Poi dipende anche da su quale scala operi. Io posso permettermi di fare certe scelte oggi perché mi faccio gli affari miei. Lavorare per una maison ha tantissime implicazioni diverse. Luca ma tu, poi, ti vesti con la tua moda?

LM Non mi vesto così spesso. Lo faccio per ricerca sensoriale, se devo dirla tutto. Non indosso tanto i miei vestiti quanto i prototipi di quello che voglio creare. Inizio a indossare delle cose solo perché le sto studiando e mi ci sto ossessionando. Indosso una camicia e ci vado a ballare perché voglio vedere come cade il tessuto, come si muove. Oltre queste occasioni, al di là del progetto, se ci penso, in realtà no. Fosse per me starei nudo tutto il tempo. 

GM Stefano, tornando a quello che hai detto prima, sulla diversa scala sulla quale hai operato tu, essendo anche direttore creativo di una maison, la domanda per entrambi è: credete che possano esistere oggi dei brand culturalmente rilevanti, anche se operano al di fuori delle logiche dei grandi conglomerati?

LM: Io non ho esperienze nei grandi brand, se non in maniera marginale, però credo che il momento storico sia abbastanza propizio. La tua risonanza puoi andartela a cercare, poi dipende da cosa intendi per rilevante: una cosa è fare un discorso rilevante perché magari incontri delle persone che condividono quello che dici. Un’altra è risultare interessanti rispetto anche al mercato. Ad oggi però, per rispondere alla tua domanda, credo sia fattibile. Questo non vuol dire che sia facile, ma di facile non c’è niente, in fondo.

SP Io ho avuto un’esperienza diversa, non ho mai avuto un mio marchio, ne ho aperto uno a 50 anni e passa, ho un altro tipo di bagaglio, ho iniziato a lavorare nei primi anni ottanta, e ho sempre saputo che per rendere un brand solido ci vogliono almeno dieci anni. Il problema ad oggi è la velocità con la quale sei fagocitato: l’intervista con il Ny Times, che magari prima era un privilegio, un traguardo raggiunto con la solidità, anche come autore, oggi arriva forse molto prima, ma il rischio è quello di essere triturati e buttati via, un po’ come succede con le aste dell’arte contemporanea. Faccio questo lavoro da 40 anni, ho imparato tutti i giorni, non ho mai sperimentato la routine, anche quando pensavo che fosse routine: ero io a percepirla come tale perché non riuscivo a lavorare come avrei voluto. La routine è un’altra cosa, non stiamo in un ufficio a mettere francobolli e controllare le intestazioni delle fatture: noi facciamo un lavoro che ci permette di misurarci anche a livello emotivo, e oggi lo trovo bellissimo.

LM: Ciò che dici sul lavoro è bellissimo, è vero, lo condivido totalmente. Io mi considero molto fortunato ad essere arrivato qui. Certo, parliamo solo di cinque anni ok ma sono riuscito non solo a far sopravvivere questa idea, ma anche a farla funzionare. E in questo ci deve per forza essere anche un elemento di fortuna no? Perché non può essere che io sia più bravo. Ci sono state sicuramente anche delle condizioni favorevoli che mi hanno portato fino a questo momento. E niente, ci tenevo a sottolinearlo, io di fare questo lavoro mi sento molto grato.

GM: Un’ultima domanda: Stefano, tu sei stato Guest designer con il tuo brand Random Identities al Pitti del 2020. A gennaio l’onore toccherà a Magliano. Hai qualche consiglio da dargli?

SP: È una sfilata diversa dalle altre, perché hai più visibilità, ed evidentemente, se arrivi come Guest designer, vuol dire che anche per gli organizzatori è importante averti. Rimane però sempre, in fondo, una sfilata.  E la cosa più importante è che tu sia contento. E quando dico contento intendo anche convinto. Nel senso che a volte sembra che ci sia bisogno di accontentare gli altri, e inizi a farti degli scrupoli. E invece devi essere assolutamente sereno con te stesso. Come in ogni evento del genere, è necessario fare dei compromessi, tra la tua visione e tutto il resto: la cosa fondamentale è capire quali compromessi puoi accettare, farci la pace, anticiparli, mai farseli imporre. Prendersi la responsabilità. E poi, se sei felice, lo capisci quando la sfilata sta per iniziare nel backstage, e hai la line up di fronte a te. E quello fa tutta la differenza del mondo.

LM: Grazie Stefano, è un bellissimo consiglio, spero di vederti lì.

In The Studio

Paul Mpagi Sepuya in conversation with Sevyn Zimmer
FROM DUST #23

Io Capitano

Text by Luca Pacilio
FROM DUST #24

I’m tired of talking about me.

GIULIANA MATARRESE IN CONVERSATION WITH ROSSY DE PALMA
FROM DUST #22

Leave a Reply

You must be registered to comment

Stefano Pilati in conversation with Luca Magliano moderated by Giuliana Matarrese
FROM DUST #24